Sei un GIOVANE AGRICOLTORE o fai parte di un’ASSOCIAZIONE AGRARIA?

Il bando PSR 2014-2020 è pensato apposta per te e ti fornisce un aiuto concreto grazie ai contributi previsti. L’intenzione è quella di incentivare il miglioramento del rendimento globale e della sostenibilità delle aziende agricole e dei giovani agricoltori.

CHI PUO’ USUFRUIRE DEI CONTRIBUTI

  • Agricoltori, persone fisiche o giuridiche singoli o associati la cui azienda è ubicata nella territorialità della Regione Umbria ed iscritte alla Camera di Commercio

  • Enti pubblici o associazioni agrarie a condizione che conducano direttamente i loro terreni agricoli di proprietà

COSA FINANZIA IL BANDO:

purché finalizzati al miglioramento delle prestazioni economiche e sostenibilità globali dell’azienda ed a condizione che il fabbricato acquistato sia oggetto di ristrutturazione per non meno del 100% del costo dell’acquisto. In tutti i casi il sostegno pubblico per l’acquisto non può essere accordato per una spesa superiore ad € 500/mq di Superficie Utile Coperta. In tale ambito è consentito l’acquisto di fabbricati da adibire a punti vendita e/o trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli in ambito aziendale. Sono esclusi i fabbricati ad uso abitativo o da adibire ad altre attività extra agricole connesse
della spesa totale sostenuta a consuntivo, ai sensi dell’articolo 69 del reg 1303/2013, solo se strettamente correlato alla realizzazione di uno o più investimenti tra quelli previsti dal piano aziendale
da adibire alle attività produttive aziendali, comprese le relative attrezzature fisse
collegati alla produzione, alla conservazione del suolo, alla protezione delle colture, alla protezione degli allevamenti e delle dotazioni aziendali
o realizzazione di nuovi impianti nel rispetto delle disposizioni di cui all’art. 46 del regolamento UE n. 1305/2013
comprese le dotazioni informatiche (hardware e software) e gli allestimenti anche su mezzi non agricoli da adibire al trasporto di prodotti agricoli da destinare alla vendita (è escluso l’acquisto del mezzo), purché non di mera sostituzione, salvo casi debitamente giustificati
finalizzati al trattamento e/o trasformazione e commercializzazione di prodotti, sia in entrata che in uscita,dell’allegato I del Trattato e di provenienza prevalentemente aziendale (in termini di PST produzione standard totale). Inoltre gli impianti devono essere dimensionati alle quantità di prodotto da trasformare/trattare
quali brevetti, licenze, diritti d’autore e marchi commerciali
di impianti per la produzione di energia a partire da fonti rinnovabili, commisurati  ai  fabbisogni aziendali e comunque di potenza massima installabile di 1 MW elettrico ed a condizione che non vengano utilizzate produzioni provenienti da colture dedicate, così come previsto dall’Accordo di Partenariato
connesse ai costi di cui ai punti precedenti, ivi comprese le spese per la presentazione delle domande e la tenuta dei fascicoli di domanda

Parliamo di numeri?

L’importo messo a disposizione per i contributi è compreso in questo range

Le condizioni per essere ammessi al sostegno

è veramente un’opportunità da non lasciarsi scappare

  • I beneficiari devono essere titolari di un azienda agricola in qualità di proprietari, usufruttuari o affittuari
  • essere titolari di partita IVA con codice di attività agricolo
  • essere iscritti alla CCIAA
  • dimostrare, tramite la presentazione di un piano aziendale, che gli investimenti che si intendono realizzare migliorano le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola

Gli OBIETTIVI da raggiungere sono tanti

Miglioramento delle prestazioni aziendali con particolare riguardo agli aspetti economici in termini di:

  • Introduzione di nuove tecnologie
  • Introduzione in azienda di innovazione di processo e di prodotto
  • Ottimizzazione dei fattori di produzione
  • Diversificazione delle produzioni
  • Integrazione di filiera
  • Sviluppo attività di commercializzazione
  • Miglioramento della qualità merceologica delle produzioni (valore commerciale)

Miglioramento della situazione dell’impresa in termini di sostenibilità globale con particolare riguardo agli aspetti ambientale, sociale e del benessere animale

  • Investimenti per il benessere animale che vanno oltre quelli obbligatori
  • Adozione di sistemi di tracciabilità del prodotto
  • Adeguamenti funzionali all’adesione a sistemi di qualità riconosciuti a livello comunitario o nazionale/regionale
  • Miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro degli addetti
  • Utilizzo di fonti energetiche rinnovabili
  • Risparmio idrico
  • Risparmio energetico
  • Riduzione dell’inquinamento ambientale

Dopo tutte queste informazioni, che cosa stai aspettando?

Possiamo aiutarti e darti maggiori chiarimenti su come poter accedere ai contributi. Contattaci tramite questo form;

Ti seguiremo per qualsiasi necessità.

Scrivici.

Il tuo nome *

La tua email *

Recapito telefonico

Dove ti trovi?

Seleziona una regione:

Seleziona una provincia:

Seleziona un comune:

Oggetto

Il tuo messaggio

* i campi contrassegnati con asterisco sono obbligatori

Le nostre Fonti:

2018-01-04T17:14:10+00:00